|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Articoli filtrati per data: Gennaio 2019 - Studio Facchini

Il Decreto semplificazioni contiene un emendamento (approvato) che interviene in materia di DURC, con particolare riferimento all'omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali operate dal datore di lavoro nei confronti dei lavoratori. Viene esteso il termine entro qui l’omissione può essere sanata: si passa da tre a ventiquattro mesi.

Categoria: Lavoro

Sono aggiornati i minimali e massimali contributivi 2019. Lo ha comunicato l'Inps nella circolare n. 6 del 25 gennaio 2019.

 

Categoria: Lavoro

L'Inps (circolare n.5 del 25 gennaio 2019) ha comunicato gli importi massimi, in vigore dal 1° gennaio 2019, degli ammortizzatori sociali. Si tratta dei: trattamenti di integrazione salariale, dell’assegno ordinario e dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito, dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito Cooperativo, dell’indennità di disoccupazione NASpI, dell’indennità di disoccupazione DIS-COLL, dell’indennità di disoccupazione agricola, dell’assegno per le attività socialmente utili.

Categoria: Lavoro

La legge di bilancio 2019 rivede le sanzioni in materia lavoro. Aumentano del 20% le sanzioni per lavoro nero: da 1.800 a 10.800 euro per ciascun lavoratore irregolare sino a 30 giorni di lavoro effettivo; da 3.600 a 21.600 euro da 31 e fino a 60 giorni di lavoro effettivo; oltre 60 giorni di lavoro effettivo da 7.200 a 43.200 euro.  Per le violazioni in materia di orario di lavoro settimanale e riposi settimanali, gli importi sono compresi tra 120 e 900 euro (con picchi fino a 6.000 euro per reiterazioni). La violazione dei termini di fruizione delle ferie annuali sopporta una sanzione compresa tra 120 e 720 euro (che può salire fino a 5.400 euro in casi specifici). La sanzione per mancato riposto giornaliero varia da 60 a 180 euro (che può salire fino a 1.800 euro in casi specifici).

Categoria: Lavoro

Entro il 31 gennaio 2019 le aziende che hanno utilizzato lavoratori "somministrati" devono trasmettere la comunicazione annuale obbligatoria, contentente i dati relativi ai contratti di somministrazione stipulati nel 2018. La comunicazione deve pervenire alle rappresentanze sindacali aziendali (RSA) ovvero alla rappresentanza sindacale unitaria (RSU) o, ancora, agli organismi territoriali di categoria delle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Categoria: Lavoro
Giovedì, 17 Gennaio 2019 12:09

CU 2019: prossima scadenza

Disponible la CU 2019, anno d'imposta 2018. La Certificazione Unica deve essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate entro la data del 7 marzo 2019.

Categoria: Lavoro

La legge di bilancio, riguardo l'Irap, abroga la deduzione, per un importo fino a 15mila euro su base annua, per ogni lavoratore dipendente a tempo indeterminato impiegato nel periodo d’imposta nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia; l'importo era aumentato a 21mila euro per le lavoratrici e per i lavoratori di età inferiore ai 35 anni. Abrogato anche il credito d’imposta del 10% previsto a favore dei soggetti che determinano il valore della produzione netta ai sensi degli articoli da 5 a 9 del Dlgs 446/1997 e che non si avvalgono di lavoratori dipendenti.

Categoria: Lavoro

Articoli in evidenza