|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Articoli filtrati per data: Novembre 2018 - Studio Facchini
Mercoledì, 28 Novembre 2018 12:27

Il regime forfettario 2019: cose da sapere

E' tempo di parlare di scelte di convenienza riguardo l’applicazione del regime forfettario a partire dal 2019. L'accesso al regime è di sicuro conveniente perché esonera chi lo adotta alla fatturazione elettronica. Il funzionamento è conosciuto: si applica una percentuale del 15% al reddito determinato forfettariamente applicando le detrazioni previste. Secondo la nuova formulazione, il regime è applicabile da tutti i professionisti e i piccoli imprenditori che hanno conseguito ricavi (ovvero percepito compensi), ragguagliati ad anno, non superiori a 65.000 euro nel corso dell’anno precedente. Tra le condizioni: vengono meno quelle riferite alle spese per lavoro accessorio (prima 5.000 euro), viene meno il limite dei beni strumentali (prima 20.000 euro). Non possono accedervi: chi si avvale di regimi speciali ai fini Iva e del reddito, chi non ha residenza in Italia, chi effettua (in via prevalente) cessioni di terreni e fabbricati o mezzi di trasporto nuovi, chi partecipa a società di persone, Srl o associazioni in partecipazione, chi ha percepito, nell'anno precedente, redditi di lavoro dipendente percepito e che esercitano attività di impresa prevalentemente nei confronti di uno dei datori di lavoro dei due anni precedenti o di soggetti ad essi direttamente o indirettamente riconducibili.

Categoria: Attualità
Martedì, 27 Novembre 2018 11:33

FE: il servizio in convenzione con il CNDCEC

Il CNDCEC ha comunicato di aver attivato il Portale per la gestione dell'intero ciclo della fatturazione elettronica. La piattaforma gestirà i cicli attivi e passivi delle fatture, sia per gli studi professionali sia per i clienti. Il costo per ciascuna fattura sarà pari a 0,005 euro.

Categoria: Attualità

In occasione di incontri avuti con la stampa specializzata, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che i contribuenti minimi /forfettari sono esonerati dall’obbligo di conservazione elettronica delle fatture elettroniche di acquisto.

Categoria: Attualità

Nel dibattito relativo alla fatturazione elettronica, ora alla votazione del Senato, si studia la possibilità di un'estensione della moratoria sulle sanzioni fino a settembre.

Categoria: Attualità

Fonti certe hanno confermato la partenza il 1° gennaio 2019 della fatturazione elettronica, nonostante i rilievi fatti dal Garante della Privacy. Tuttavia saranno effettuate delle rettifiche che interesseranno medici e farmacisti, i quali si vedranno esentanti dall'obbligo.

Categoria: Attualità
Martedì, 20 Novembre 2018 12:03

Fatture elettroniche: il bollo

Sulla fattura elettronica (come su quella cartacea), in alcuni casi è da applicare il bollo. La regola prevede che l’imposta di bollo su una fattura sia dovuta in tutti i casi in cui tale documento preveda al suo interno un importo escluso, esente o fuori campo IVA per un valore superiore ad 77,47 euro. La misura dovuta è 2 euro. La dicitura da inserire in fattura è questa: “Imposta di bollo assolta in modo virtuale ai sensi dell’articolo 15 del d.p.r. 642/1972 e del DM 17/06/2014”. Il pagamento dell'imposta di bollo avviene in un'unica soluzione entro 120 giorni dalla chiusura dell'esercizio, e deve assolto mediante versamento con modello F24, compilando la sezione Erario ed utilizzando il codice tributo 2501. Il mancato pagamento dell’imposta di bollo è soggetta a sanzioni amministrative pari da 1 a 5 volte l’imposta evasa per ogni fattura irregolare. Il riferimento normativo in questo caso è l’articolo 25 del DPR 642/1972.

Categoria: Attualità

Dietro richiesta delle imprese e dei professionisti, un’ipotesi del rinvio dell’obbligo, fissato ad oggi al 1° gennaio 2019, della fattura elettronica prende più piede. La richiesta si è trasformata in due emendamenti al DL fiscale 119/2018 all’esame della Commissione Finanze del Senato.

Categoria: Attualità

Tra i chiarimenti arrivati dall'Agenzia delle entrate nel corso del incontro per esaminare e risolvere le difficoltà applicative connesse all'introduzione dell'obbligo di fattura elettronica, si è parlato di detrazione Iva in caso di mancata ricezione della fattura elettronica. Viene chiarito che la detrazione Iva relativamente alle liquidazioni periodiche potrà operare solo con la ricezione della fattura elettronica. Se un fornitore non invierà la fattura elettronicamente allo SDI, la fattura non si considera fiscalmente emessa: il possesso di una copia cartacea non sarà utile ad esercitare la detrazione, pena l’applicazione delle sanzioni per indebita detrazione.

Categoria: Attualità
Martedì, 13 Novembre 2018 12:21

Nuovo regolamento Ue sul denaro contante

Dal 3 giugno 2021 entrerà in vigore il nuovo regolamento UE 8n. 2018/1672) sull'uso del denaro contante. Si tratta di un nuovo sistema di controlli per la prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. Le persone fisiche che entrano o escono dall'Unione europea devono dichiarare il denaro contante, l'oro e le carte elettroniche prepagate anonime.

Categoria: Attualità
Lunedì, 12 Novembre 2018 10:55

Sport bonus: sono online i beneficiari

E' stato pubblicato, sul sito della presidenza del Consiglio dei ministri, Ufficio per lo sport, l’elenco delle imprese ammesse al credito d’imposta previsto dalla legge di stabilità 2018 (sport bonus). Sono interessati coloro che hanno richiesto l’accesso al bonus utilizzando la “seconda finestra” prevista dalla norma. I beneficiari, per non perdere il bonus, dovranno effettuare le donazioni entro il prossimo 17 novembre tramite bonifico bancario, bollettino postale, carte di debito, di credito e prepagate, oppure assegni bancari o circolari.

Categoria: Attualità
Pagina 1 di 2

Articoli in evidenza