|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Lavoro

I contribuenti che nel 2019 operano nel regime di contabilità forfettario, per godere della riduzione Inps contributiva, devono comunicare la propria adesione entro il termine perentorio del 28 febbraio 2019. Per coloro che già operavano in forfettario nel 2018, invece, il regime contributivo agevolato si continua ad applicare anche nel 2019, salvo che vogliano espressemante rinunciarvi.
Mercoledì, 13 Febbraio 2019 17:48

Contributi lavoro domestico 2019

L'Inps ha reso noti gli importi e le scadenze dei contributi per lavoro domestico (circolare n. 16 del 01/02/2019). Eccoli: senza contributo addizionale, fino a 8,06 euro - retribuzione convenzionale pari a 7,13 euro, contributo orario pari a 1,42 euro; oltre 8,06 e fino a 9,81 euro - retribuzione convenzionale pari a 8,06 euro, contributo orario pari a 1,61 euro; oltre 9,81 euro - retribuzione convenzionale pari a 9,81 euro, contributo orario pari a 1,96 euro; orario di lavoro superiore…
L'INPS ha reso disponibile sul proprio sito una nuova funzionalità  per il calcolo aliquote contributive. Si tratta di un'applicazione che consente di simulare il calcolo dell'aliquota contributiva per i lavoratori del settore privato; è possibile visualizzare l'aliquota, la tipologia di Azienda e le caratteristiche del dipendente.
Martedì, 12 Febbraio 2019 10:51

Bonus Renzi 2019

Il "bonus Renzi" è attivo anche per il 2019, essendo diventato strutturale. I beneficiari sono i lavoratori dipendenti, e assimilati, con reddito annuo (2018) fino a 26.600 euro; possono ricevere in totale fino a 960 euro ripartite su base mensile. Non ha diritto al bonus chi non supera il limite della "no tax area" pari a 8.174 euro di reddito annuo. Il bonus spetta anche a colf e badanti osservando le regole specifiche del settore.
Sono stati pubblicati sul sito dell’Agenzia delle entrate, i software di compilazione e controllo della Certificazione unica 2019. Dovranno essere utilizzati dai sostituti d’imposta per certificare i redditi di lavoro dipendente e assimilati, di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, e i corrispettivi derivanti dai contratti di locazioni brevi.
In risposta al question time n. 5-01344 in Commissione finanze, è stato reso noto che possono accedere alla definizione agevolata per carichi affidati all’agente della riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017, le persone fisiche in gravi difficoltà economiche anche per i debiti derivanti dall’omesso versamento di contributi dovuti dai soggetti iscritti alle casse previdenziali ovvero alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS.
Il Decreto semplificazioni contiene un emendamento (approvato) che interviene in materia di DURC, con particolare riferimento all'omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali operate dal datore di lavoro nei confronti dei lavoratori. Viene esteso il termine entro qui l’omissione può essere sanata: si passa da tre a ventiquattro mesi.
Sono aggiornati i minimali e massimali contributivi 2019. Lo ha comunicato l'Inps nella circolare n. 6 del 25 gennaio 2019.  
L'Inps (circolare n.5 del 25 gennaio 2019) ha comunicato gli importi massimi, in vigore dal 1° gennaio 2019, degli ammortizzatori sociali. Si tratta dei: trattamenti di integrazione salariale, dell’assegno ordinario e dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito, dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito Cooperativo, dell’indennità di disoccupazione NASpI, dell’indennità di disoccupazione DIS-COLL, dell’indennità di disoccupazione agricola, dell’assegno per le attività socialmente utili.
La legge di bilancio 2019 rivede le sanzioni in materia lavoro. Aumentano del 20% le sanzioni per lavoro nero: da 1.800 a 10.800 euro per ciascun lavoratore irregolare sino a 30 giorni di lavoro effettivo; da 3.600 a 21.600 euro da 31 e fino a 60 giorni di lavoro effettivo; oltre 60 giorni di lavoro effettivo da 7.200 a 43.200 euro.  Per le violazioni in materia di orario di lavoro settimanale e riposi settimanali, gli importi sono compresi tra 120…
Entro il 31 gennaio 2019 le aziende che hanno utilizzato lavoratori "somministrati" devono trasmettere la comunicazione annuale obbligatoria, contentente i dati relativi ai contratti di somministrazione stipulati nel 2018. La comunicazione deve pervenire alle rappresentanze sindacali aziendali (RSA) ovvero alla rappresentanza sindacale unitaria (RSU) o, ancora, agli organismi territoriali di categoria delle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.
Giovedì, 17 Gennaio 2019 12:09

CU 2019: prossima scadenza

Disponible la CU 2019, anno d'imposta 2018. La Certificazione Unica deve essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate entro la data del 7 marzo 2019.
Pagina 1 di 14