|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Mercoledì, 24 Aprile 2019 11:46

Esterometro il 30 aprile

Il 30 aprile scade il termine per l’invio dei dati relativi alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate con soggetti non residenti. Sono da trasmetterei dati riferiti ai mesi di gennaio, febbraio e marzo.

Il limite per essere considerato a carico nel modello 730/2019 è un reddito annuo non superiore a 2.840,51 euro. Possono essere messi a carico: figli, moglie e altri familiari nel rispetto dei limiti e requisiti generali. Il limite della detrazione aumenta a 4.000 euro ma solo per i figli di età non superiore a 24 anni.

Tra gli oneri di cui è possibile la detrazione nel modello 730 ci sono le spese veterinarie. Le spese veterinarie sono detraibili nella misura del 19% per la soglia che supera la franchigia, ed entro il limite massimo di 387,40 euro. La franchigia è di 129,11 euro.

Gli intemediari che hanno acquisito delega dai propri clienti per la e-fattura prima del 21 dicembre 2018 devono "riacquisirla". Fonte del ripetuto adempimento sono le indicazioni del Garante privacy: da maggio 2019 per consultare e fare download delle e-fatture è necessario essere delegati dal cliente, ma le deleghe conferite prima della data indicata non sono sufficienti.

Nella circolare n. 9/E/2019 l'Agenzia delle entrate ha chiarito i casi di applicazione e di disapplicazione del regime forfetario. Un punto di rilievo è dato alla specifica o meno dell'opzione per il cambio di regime, notizia importante visto che siamo in tempo di dichiarazione Iva. In ipotesi di disapplicazione per legge, non è prevista la cessazione del regime in corso d’anno. In altre parole, il contribuente che, nell’anno 2018, era in regime semplificato perché non presentava i requisiti richiesti per l’applicazione del regime forfetario, può applicarlo dal 2019, essendo venute meno le cause di esclusione, senza dare alcuna comunicazione preventiva o successiva, e senza esercitare una specifica opzione.

Con provvedimento del 18 aprile 2019 l'Agenzia delle entrate illustra le novità riguardanti la memorizzazione e trasmissione via web dei corrispettivi giornalieri, in vista dell'avvio della procedura dal 1° luglio prossimo. Lo "scontrino elettronico" potrà essere elaborato o mediante strumenti tecnologici idonei a garantire l’inalterabilità e la sicurezza dei dati, oppure tramite una procedura web che l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione di esercenti attività di commercio ed assimilate.

Venerdì, 19 Aprile 2019 11:38

730 precompilato: cosa contiene

Dallo scorso 15 aprile 2019 è disponibile, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, la dichiarazione dei redditi precompilata. Vediamo cosa contiene: interessi passivi e relativi oneri accessori per mutui in corso; premi di assicurazione sulla vita, causa morte e contro gli infortuni e premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi; contributi previdenziali e assistenziali e contributi versati alle forme di previdenza complementare; contributi colf e badanti; spese sanitarie e relativi rimborsi; spese veterinarie; spese universitarie e relativi rimborsi; spese funebri; spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e agli interventi finalizzati al risparmio energetico; spese relative ad interventi di sistemazione a verde degli immobili; erogazioni liberali nei confronti delle ONLUS varie; spese per la frequenza degli asili nido.

Venerdì, 19 Aprile 2019 11:37

730 precompilato: le date da ricordare

Il modello 730 precompilato è disponibile dal 15 aprile; potrà essere accettato/integrato e inviato direttamente via web a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio. Nel dettaglio: il 7 luglio (quest’anno 8 luglio perché domenica) è il termine di presentazione al sostituto d’imposta. I CAF e i professionisti hanno tempo fino al: 1° luglio 2019 (il 29 giugno 2019 è sabato) per le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 22 giugno 2019; 8 luglio 2019 (il 7 luglio è domenica) per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 23 al 30 giugno 2019; 23 luglio 2019, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 1° al 23 luglio 2019.

Rientrano nella definizione agevolata, in scadenza il 30 aprile 2019, anche le cartelle sospese relative al sisma dell'Aquila del 2009. Lo ha ricordato l’Agenzia delle Entrate-Riscossione con comunicato stampa del 15 aprile 2019.

Nel progetto di legge sulle semplificazioni fiscali, ora in Commissione Finanze della Camera, viene prevista la riduzione dell'aliquota all'esenzione TASI sugli immobili merce. Dal 1° gennaio 2022 saranno esentati i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano stati locati.

Pagina 5 di 98

Articoli in evidenza