|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Con la circolare 13/E del 31 maggio 2019, l'Agenzia delle entrate fornisce un vademecum generale delle operazioni da effettuare nella dichiarazione dei redditti annuale. Il documento si sofferma su detrazioni, deduzioni, crediti d’imposta, ritenute, documenti da presentare e conservare, ed aggiorna la precedente circolare-guida n. 7/2018 con le novità normative e interpretative intervenute in relazione all’anno d’imposta 2018.

Mercoledì, 05 Giugno 2019 17:10

Entrate tributarie primo quadrimestre 2019

Nel primo quadrimestre del 2019 le entrate tributarie sono state positive. Dal consueto bollettino pubblicato da dipartimeto delle Finanze si legge di un incremento di 1.219 milioni di euro, pari all’1%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’AF ha in corso controlli sulla spettanza del "Bonus Ricerca e sviluppo" per gli anni 2016, 2017 e 2018. Sotto la lente: la documentazione contabile ed extra contabile dell’anno in cui sono state sostenute le spese e quelli del triennio precedente al fine di verificare l’incremento della spesa.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un comunicato stampa (31 maggio 2019) con le istruzioni utili ai contribuenti titolari di pensioni estere che trasferiscono la residenza fiscale in Italia, in uno dei Comuni appartenenti al territorio delle Regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia, con popolazione non superiore a 20mila abitanti. La legge di bilancio 2019, per favorire gli investimenti, i consumi ed il radicamento nei Comuni del Mezzogiorno con determinate caratteristiche demografiche, ha introdotto una norma che prevede una tassazione agevolata (imposta sostitutiva 7%) da applicarsi a qualsiasi categoria di reddito prodotto all’estero. L’opzione è valida per i primi 5 anni successivi a quello in cui essa viene esercitata, a patto che non si verifichino le condizioni che possono determinarne la revoca. Con il provvedimento  del direttore dell'Agenzia delle Entrate sono definite le modalità di esercizio e revoca dell’opzione, la cessazione degli effetti, le modalità di versamento dell’imposta sostitutiva nonché la fonte informativa per individuare i Comuni aventi le caratteristiche previste dalla norma.

Lunedì, 03 Giugno 2019 17:04

TASI 2019: acconto entro il 17 giugno

Entro il prossimo 17 giugno và versato il primo acconto TASI 2019. Il calcolo, come per l'IMU, vinene effettuato in base alle delibere comunali previste per il 2018. Si sottolinea che non è più operante il blocco degli aumenti del carico impositivo previsto per il 2016-2018.

I proventi percepiti a titolo di borsa di studio (o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale), se il beneficiario non è legato da rapporti di lavoro dipendente nei confronti del soggetto erogante, sono assimilati ai redditi di lavoro dipendente in base all'articolo 50, comma 1, lettera c, Tuir; in assenza di una specifica esenzione, devono essere dichiarati. Vanno indicati nel quadro RC del modello Redditi persone fisiche, ovvero nel quadro C del modello 730.

L’Agenzia ha dato chiarimenti riguardanti il visto infedele sul 730, alla luce delle novità introdotte dal “Decretone”. Il professionista abilitato/CAF: non è più responsabile per l’imposta e gli interessi che sarebbero stati richiesti al contribuente, rispondendo solo delle sanzioni del 30% (riducibili con ravvedimento operoso). Le nuove disposizioni si applicano a partire dal 730/2019.

Sono stati pubblicati, sul sito dell'Agenzia delle entrate, gli elenchi definitivi dei nuovi iscritti alle categorie del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche ammessi alla ripartizione del 5 per mille dell’Irpef. Le liste sono state corrette e integrate rispetto a quelle provvisorie, pubblicate lo scorso 14 maggio.

Venerdì, 24 Maggio 2019 10:02

Calendario fiscale: nuovo

Nella riformulazione del calendario fiscale resta confermata la scadenza 31 maggio per Lipe trimestrale (1/2019) e Esterometro mensile.

Venerdì, 24 Maggio 2019 10:01

Dichiarazioni: nuovo calendario

Viene immediatamente rivisto, dal decreto crescita, il calendario 2019 delle dichiarazioni fiscali. Il nuovo termine per l’invio viene fissato al 30 novembre. Nuova scadenza anche per la dichiarazione IRAP e per la dichiarazione IMU: 31 dicembre 2019.

Pagina 4 di 101

Articoli in evidenza