|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Giovedì, 04 Aprile 2019 12:21

Decreto crescita: le novità

Il decreto crescita dovrà essere approvato entro il 10 aprile. Tra le novità: rottamazione ter per le tasse locali, riduzione strutturale dell’Ires che sostituirà la mini-Ires, regime forfettario per le partite Iva con dipendenti, obbligo di fatturazione elettronica per le imprese anche per le operazioni verso San Marino, misure fiscali per la crescita economica, ripristino del superammortamento, rilancio degli investimenti privati, tutela del made in Italy.

E' online, sul sito di Unioncamere e sul portale del Registro delle imprese, il “Manuale operativo per il deposito bilanci al registro delle imprese per la Campagna bilanci 2019”. I bilanci chiusi al 31 dicembre 2018 devono utilizzare la nuova tassonomia XBRL 2018-11-04 da utilizzare obbligatoriamente per le presentazioni effettuate dal 1° marzo 2019. Il Bilancio d’esercizio deve essere depositato presso il Registro delle Imprese territorialmente competente entro 30 giorni dalla data di approvazione da parte dell’assemblea dei soci. Nei termini ordinari sono 120 giorni dalla data di chiusura dell'esercizio, in quelli straordinari, se previsti dallo Statuto, 180 giorni. I diritti di segreteria sono pari a 62,70 euro (92,70 euro per deposito effettuato mediante supporto informatico digitale) e 37,70 euro per le cooperative sociali iscritte a questa categoria ai sensi della Legge 381/91 (47,70 euro se la presentazione avviene su supporto informatico digitale), più imposta di bollo di 65 euro da cui sono esentate le cooperative sociali. Per le start-up innovative e per gli incubatori certificati di sturt up (per questi solo i primi cinque anni), iscritti nell’apposita sezione speciale, il deposito del bilancio è esente dall’imposta di bollo e dai diritti di segreteria.

Importante sentenza della Ctr Emilia Romagna riguardante la detraibilità degli interessi passivi per costruzione abitazione principale. La sentenza n. 2393/6/2018 afferma che gli interessi passivi sul mutuo per la costruzione dell’abitazione principale sono detraibili anche quando l’intervento è ricondotto ad un’opera di restauro e risanamento conservativo e non solo di ristrutturazione edilizia.

Si continua a richiedere l'abrogazione del modello 770, visto che l'Amministrazione è ormai in possesso di tutti i dati. Nel decreto semplificazioni è stato inserito un emendamento che muove in tal senso. Ma attenzione ... la sua abrogazione comporterebbe l'introduzione di un nuovo adempimento con cadenza mensile.

Sono state approvate e sono operative le nuove tariffe Inail ridotte del 32%. La "certificazione" è avvenuta con la registrazione dei decreti interministeriali il 26 marzo da parete della Corte dei Conti.

Con la sentenza n. 8627/2019, la Corte di Cassazione ha sancito che ai fini della riduzione Imu e Tasi, in caso di casa concessa in comodato d'uso gratuito, basta trasmettere una dichiarazione sostitutiva di atto notorio via fax al Comune. La ratio della sentenza è che non importa la forma della dichiarazione, ma il "principio di collaborazione e buona fede" del contribuente nel rapporto con l'Ente impositore.

Martedì, 02 Aprile 2019 12:06

SRL: i versamenti in conto capitale

Prassi molto usata sono i versamenti in conto capitale nelle Srl. L'operazione serve per rimpinguare le casse della società, in vista di qualsivoglia necessità. Civilisticamente non sono disciplinati da alcuna disposizione di legge specifica; possono essere effettuati in contanti, o anche in natura. Dal punto di vista fiscale è applicabile l’art. 88 c. 4 del Tuir, che non li configura come sopravvenienze attive, confermando, tra l'altro, la legittimità dell'operazione.

La dichiarazione Iva 2019 complica la vita ai contribuenti e agli addetti ai lavori in caso di presenza di credito annuale e mancati versamenti periodici. Dalle istruzioni si legge che gli omessi versamenti periodici impediscono l’esposizione del credito Iva, o ne riducono l’ammontare. Come operare? L'interessato potrà comunque utilizzare il credito "ridotto" in compensazione per effettuare il ravvedimento dell’Iva a debito non versata in occazione delle liquidazioni periodiche; successivamente dovrà presentare una dichiarazione correttiva nei termini o integrativa dopo la scadenza (fissata il 30 aprile) ed esporre il credito totale.

Martedì, 02 Aprile 2019 12:05

Dichiarazioni: la compensazione dei crediti

Per poter effettuare la compensazione dei crediti derivanti dalla dichiarazioni dei redditi, a volte è necessario il visto di conformità. Lo si deve apporre sempre per crediti superiori a 5.000 euro annui. Ne sono esentati solo i contribuenti che applicano gli ISA e che conseguono un determinato livello di affidabilità fiscale, nei seguenti limiti: per un importo non superiore a 50.000,00 euro annui relativamente all’IVA e per un importo non superiore a 20.000,00 euro annui relativamente alle imposte dirette e all’IRAP.

Martedì, 02 Aprile 2019 12:05

Bonus asilo nido 2019

Per ottenere il bonus asili nido, che prevede un assegno fino a 1.500 euro di importo, è necessario presentare domanda all'Inps. Tra i requisiti per fare domanda non sono previsti limiti di reddito, l'età del bambino deve essere compresa tra 0 e 3 anni, ed è necessario trasmettere i documenti di spesa. Le istruzioni per la presentazione della domanda sono contenute all'interno della circolare Inps del 31 gennaio 2019.

Pagina 10 di 101

Articoli in evidenza