|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Mercoledì, 28 Novembre 2018 12:27

Il regime forfettario 2019: cose da sapere

E' tempo di parlare di scelte di convenienza riguardo l’applicazione del regime forfettario a partire dal 2019. L'accesso al regime è di sicuro conveniente perché esonera chi lo adotta alla fatturazione elettronica. Il funzionamento è conosciuto: si applica una percentuale del 15% al reddito determinato forfettariamente applicando le detrazioni previste. Secondo la nuova formulazione, il regime è applicabile da tutti i professionisti e i piccoli imprenditori che hanno conseguito ricavi (ovvero percepito compensi), ragguagliati ad anno, non superiori a 65.000 euro nel corso dell’anno precedente. Tra le condizioni: vengono meno quelle riferite alle spese per lavoro accessorio (prima 5.000 euro), viene meno il limite dei beni strumentali (prima 20.000 euro). Non possono accedervi: chi si avvale di regimi speciali ai fini Iva e del reddito, chi non ha residenza in Italia, chi effettua (in via prevalente) cessioni di terreni e fabbricati o mezzi di trasporto nuovi, chi partecipa a società di persone, Srl o associazioni in partecipazione, chi ha percepito, nell'anno precedente, redditi di lavoro dipendente percepito e che esercitano attività di impresa prevalentemente nei confronti di uno dei datori di lavoro dei due anni precedenti o di soggetti ad essi direttamente o indirettamente riconducibili.

Martedì, 27 Novembre 2018 11:34

Saldo Imu 2018

Il prossimo 17 dicembre scade il termine per il versamento del saldo Imu 2018. Per calcolarlo bisogna prendere a riferimento aliquote e detrazioni deliberate nel 2017; salvo che non siano state deliberate dal Comune le aliquote 2018. Tra le novità occore prestare attenzione ai nuovi coefficienti da utilizzare per gli immobili accatastati/accatastabili categoria D, non iscritti in Catasto, posseduti da imprese e distintamente contabilizzati.

Martedì, 27 Novembre 2018 11:33

FE: il servizio in convenzione con il CNDCEC

Il CNDCEC ha comunicato di aver attivato il Portale per la gestione dell'intero ciclo della fatturazione elettronica. La piattaforma gestirà i cicli attivi e passivi delle fatture, sia per gli studi professionali sia per i clienti. Il costo per ciascuna fattura sarà pari a 0,005 euro.

Lunedì, 26 Novembre 2018 10:49

Domanda Naspi per il 2018

I lavoratori in stato di disoccupazione possono presentare domanda di anticipazione Naspi per iniziare un’attività di lavoro autonomo. La domanda dovrà essere inviata in modalità telematica tramite il servizio dedicato utilizzando il modulo INPS SR162.  Sono previste tre modalità di invio: via web, direttamente da cittadino in possesso di PIN dispositivo INPS; tramite patronato; tramite Contact Center Multicanale INPS-INAIL, chiamando da rete fissa il numero gratuito 803164 oppure il numero 06164164 da telefono cellulare. Per il 2018 è possibile richiedere l’incentivo anche per l’avvio di attività in forma societaria, a patto che il socio oltre a conferire capitale svolga anche attività di lavoro autonomo o d’impresa (circolare INPS n. 174 del 23 novembre 2017).

La legge di bilancio 2019 prevede la modifica del regime del riporto delle perdite fiscale dei soggetti Irpef. Le imprese individuali e le società di persone, indipendentemente dal regime contabile adottato, potranno riportare le perdite senza limiti di tempo nel limite di compensazione pari all’80% del reddito annuo. Per le imprese in contabilità semplificata è previsto un allineamento progressivo al nuovo regime, applicabile anche alle perdite 2017 per la quota non già utilizzata nel Mod. Redditi 2018, con l’aliquota massima di utilizzo pari al 40% nel 2019 e 60% nel 2020.

Sul sito del Dipartimento per l'informazione e l'editoria è stato pubblicato l'elenco degli operatori economici che hanno avuto accesso al bonus pubblicità per il 2018. Nell'elenco è indicato, per ciascuno, l'importo teoricamente fruibile. "Teoricamente" perchè sarà necessario verificare il rispetto di un ulteriore limite, quello individuale per soggetto pari al: 5% del totale delle risorse annue destinate agli investimenti sui giornali, e 2% delle risorse annue destinate agli investimenti sulle emittenti radiofoniche e televisive locali.

Requisito di accesso alla rottamazione-ter, per i decaduti della "bis", sarà il versamento entro il 7 dicembre delle rate scadute di luglio, agosto e ottobre 2018. Dopo il pagamento, l’agente della riscossione comunicherà l’ammontare del debito rideterminato, nonché i bollettini precompilati per eseguire il versamento della rate residue, entro il 30 giugno 2019.

In occasione di incontri avuti con la stampa specializzata, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che i contribuenti minimi /forfettari sono esonerati dall’obbligo di conservazione elettronica delle fatture elettroniche di acquisto.

Gli intermediari che non hanno trasmesso entro il 31 ottobre 2018 le dichiarazioni per le quali hanno assunto l'impegno alla trasmissione, possono regolarizzare la loro posizione tramite l’istituto del ravvedimento operoso. La sanzione è del tipo "tributario-amministrativo".

Il 30 novembre è previsto il saldo del secondo acconto 2018 dei contributi IVS per i lavoratori iscritti alla Gestione INPS “artigiani e commercianti” con reddito eccedente il minimale, che per il 2018 è fissato a 15.710 euro. I contribuentu colpiti dal sisma del 2017 (Casamicciola Terme, Forio, Lacco Ameno) sono "sospesi" dagli adempimenti e dai versamenti contributivi in scadenza nel periodo compreso tra il 29 settembre 2018 al 31 dicembre 2020.

Pagina 8 di 88

Articoli in evidenza