|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

L'Agenzia delle Entrate Riscossione, per le rate derivanti dalla rottamazione bis, ha confermato la scadenza del 30 settembre 2018, aggiungendo che, visto il termine cadente di domenica, sono pagabili il 1° ottobre 2018. L’avviso pubblicato dall’Agenzia delle Entrate Riscossione riguarda sia i contribuenti che hanno aderito alla rottamazione bis delle cartelle (decreto legge n. 148/2017) che coloro che hanno presentato domanda per la prima definizione agevolata (DL 193/2016).

Il 1° ottobre (il 30/09 è domenica) scade il termine per la trasmissione telematica dei dati delle fatture 2018 relative: al 2° trimestre 2018, e al 1° semestre 2018. Il decreto dignità ha ampliato il novero degli esonerati dall’adempimento, estendendolo a tutti i produttori agricoli “esonerati” (anche situati in zone non montane), e ha differito al 28/02/2019 il termine per l’invio dei dati relativi al 3° trimestre 2018 (facendolo coincidere con il termine per l’invio dei dati del 4° trimestre). Gli altri soggetti esonerati sono: amministrazioni pubbliche per i dati delle fatture emesse nei confronti dei consumatori finali; produttori agricoli esonerati ai sensi dell’art. 34, comma 6 del DPR 633/72; contribuenti nel regime forfettario e nel regime dei minimi; produttori agricoli in regime di esonero delle zone montane; Pubblica Amministrazione e Amministrazioni autonome; contribuenti titolari di partita IVA che hanno aderito alla fatturazione elettronica.

Sarà pronto a novembre il portale del CNDCEC dedicato alla fatturazione elettronica. Lo ha annunciato il Presidente del Consiglio Nazionale, Massimo Miani, nel corso del convegno "La fatturazione elettronica nelle operazioni tra privati" organizzato in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate. Il Consiglio Nazionale si farà carico del costo inerente al portale, del costo dell’assistenza e di un determinato numero di fatture, che verranno gratuitamente fornite ai soggetti iscritti.

Il credito d’imposta maturato e non utilizzato nel 2017 per la vendita di strumenti a studenti di licei e istituti musicali, concorre alla determinazione del reddito e deve, quindi, essere inserito nel quadro RG, rigo RG2, del modello Redditi Pf 2018. È questo il contenuto della risposta fornita dall'Agenzia delle entrate all'interpello n. 10 del 19 settembre 2018.

Fondoprofessioni ha stanziato 1,9 milioni di euro per la formazione dei dipendenti di studi professionali e delle aziende: 1,2 milioni andranno a finanziare i fabbisogni diffusi che di norma riguardano esigenze formative di specifiche categorie professionali, gli altri 700mila euro lo sviluppo delle reti di studi e di aziende.

Mercoledì, 19 Settembre 2018 11:10

Li.Pe: il ravvedimento

Nel caso di mancato/errato invio della comunicazione delle liquidazioni periodiche relativa al secondo trimestre 2018 entro il 17/09 si pone la necessità di procedere a regolarizzare la propria posizione. Il contribuente che non ha inviato la comunicazione, o la inviata in modo errato deve: procedere ad effettuare il ravvedimento inviando il modello corretto e pagando la relativa sanzione ridotta; può procedere a presentare un modello nei termini entro il 30/09.

La Corte di cassazione - sezione lavoro - con al sentenza n. 21900/2018 ha stabilito che lo svolgimento di attività di amministratore di condominio in forma societaria impone, sul piano contributivo, l'assoggettamento del reddito generato alla gestione commercianti Inps e non alla gestione separata.

I contribuenti che hanno aderito alle definizione agevolata delle cartelle prevista dal Dl n. 148/2017 (modif. dalla L. n. 172/2017) hanno ricevuto, entro lo scorso 30 giugno, la comunicazione dell’Adr contenente l’indicazione delle somme dovute. Nel caso in cui si siano rilevate differenze tra i dati delle cartelle/avvisi riportati nella comunicazione, e quelli indicati nella dichiarazione di adesione alla Definizione agevolata, devono segnalare le difformità. All'uopo è previsto un servizio dedicato.

E' stata pubblicata la lista dei soggetti che potranno usufruire del credito "sport bonus" istituito dalla legge di bilancio 2018 (articolo 1, commi da 363 a 366, legge 205/2017). Sono identificati attraverso un codice seriale con indicazione, per ciascuno, dell’importo del credito di imposta attribuito. A darne notizia, il sito della presidenza del Consiglio dei ministri - Ufficio per lo sport.

Nel milleproroghe non è passato l'emendamento che voleva prorogare le scadenze delle rate della rottamazione. Quindi, nessun rinvio dei termini di pagamento è previsto. Restanto confermate le scadenze come definite dal DL 148/2017.

Pagina 1 di 75

Articoli in evidenza