|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

La legge di bilancio 2019 mette ordine all'annosa querelle Irap, escludendo, dall'imposizione, il lavoratore autonomo con volume d'affari non superiore a 100.000 euro, quando le spese per personale dipendente, consulenze a terzi e beni strumentali non eccedono complessivamente il 50% dei compensi percepiti; l'esonero spetta anche in caso di impiego di 1 lavoratore o 2 a tempo parziale.

Nel ddl di Bilancio 2019 non è più previsto il blocco delle tariffe e delle aliquote dei tributi locali. Pertanto sono possibili aumenti delle tariffe e aliquote dei tributi locali , visti i bilanci "magri" dei Comuni.

Giovedì, 06 Dicembre 2018 10:27

Ddl di Bilancio 2019: prorogati i bonus edili

L’art. 14 del ddl di bilancio 2019 proroga al 2019 i bonus edili, Si riepilogano: 50%, nel limite di 96.000 per gli interventi di ristrutturazione edilizia; 50%-65% per interventi di riqualificazione energetica (con massimali di spesa variabili in base alla tipologia di spesa); 50%, nel limite di 10.000 euro, per l'acquisto di mobili/grandi elettrodomestici finalizzati all'arredo di immobili oggetto di ristrutturazione; 36%, nel limite di 5.000 euro per gli interventi sul verde privato. Le detrazioni “sisma bonus” sono riconosciute fino al 2021.

Giovedì, 06 Dicembre 2018 10:26

Ddl di Bilancio 2019: più controlli della GdF

Nel ddl di Bilancio 2019 sono contemplati capitoli volti a contrastare l'evasione fiscale diffusa. Al fine viene rafforzata la collaborazione tra l’Agenzia delle Entrate e la GdF. Il quadro di sintesi prevede: accesso all’Anagrafe dei rapporti finanziari, attività ispettiva nei confronti delle società in perdita sistematica, scambio automatico di informazioni, semplificazioni in materia di provvedimenti cautelari amministrativi per violazioni tributarie.

In vista dell'inizio del nuovo anno, e nel caso si dovesse decidere di passare al regime forfettario esteso in termini di limiti di accesso, è bene tenere presente alcune variabili che possono influenzare la decisione. Una di queste variabili è quella Iva. Si ricorda che bisogna versare l'Iva relativa alle rimanenze di fine anno (se presenti), quella detratta sugli acquisti di beni strumentali, per tanti quinti quanti ne mancano al compimento del quinquennio, e quella detratta per l’acquisto di beni immobili, per tanti decimi quanti ne mancano al compimento del decennio.

Mercoledì, 05 Dicembre 2018 10:56

E-fattura: attivazione della piattaforma Hub B2B

Il CNDCEC ha reso noto la programmazione streaming l'11 dicembre 2018, alle ore 10.30, della presentazione della piattaforma Hub B2B dedicata alla fatturazione elettronica. La partecipazione all’evento sarà valida ai fini della formazione continua obbligatoria dei commercialisti.

Il ddl di bilancio 2019, oltre all'allargamento della platea dei forfettari, prevede, a partire dal 1° gennaio 2020, un'imposta sostitutiva del 20% per i contribuenti con ricavi compresi tra 65.001 euro e 100.000 euro. Detti contribuenti (persone fisiche, artisti e professionisit) che applicheranno l’imposta sostitutiva del 20% saranno esonerati dall’applicazione dell’IVA e dai relativi obblighi, come per i soggetti forfetari, ma manterranno l’obbligo di fatturazione elettronica.

Mercoledì, 05 Dicembre 2018 10:55

Bonus mamma domani 2019

Il bonus mamma domani è un'agevolazione prevista per le mamme in attesa dal 2017. Il bonus non prevede limiti reddituali, lo si potrà richiedere all'Inps a partire dal 1° gennaio 2019. Unico requisito è di aver compiuto il settimo mese di gravidanza. L'assegno previsto ammonta a 800 euro.

Il decreto di bilancio per il 2019 introduce alcune modifiche riguardo il regime forfetario. E' innalzato il limite di ricavi/compensi a 65.000 euro in modo indifferenziato per tutte le tipologie di attività; è prevista l’eliminazione dei seguenti requisiti, da verificare sull’anno precedente: corresponsione di redditi di lavoro dipendente/assimilato superiori a 5.000 euro; possesso di beni strumentali complessivamente superiori a 20.000 euro; percezione di redditi di lavoro dipendente/assimilato superiori ad 30.000 euro. Cause di fuoriuscita dal regime: vengono modificate alcune cause di esclusione previste per i contribuenti che hanno percepito redditi di lavoro dipendente/assimilato e che operano nei confronti anche di uno dei datori di lavoro (o soggetti ad essi collegati) nei 2 anni precedenti; contribuenti che, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, partecipano non solo in soggetti trasparenti, ma anche in società a responsabilità limitata (senza richiamo a quelle in trasparenza fiscale).

Lunedì, 03 Dicembre 2018 11:59

Bonus asilo nido: istanze entro il 31 dicembre

Le domande per il bonus asilo-nido possono essere presentate all’INPS entro il 31 dicembre 2018, tramite il software telematico INPS oppure tramite Contact center o patronato. Il pagamento è effettuato direttamente al beneficiario che ha sostenuto il pagamento, per ogni retta mensile pagata e documentata.

Pagina 10 di 91

Articoli in evidenza