|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Secondo la sentenza n. 172 depositata il 10 ottobre 2013 della CTP di Padova, gli errori formali commessi nell'applicazione del regime del margine IVA o nella compilazione dei modelli intrastat non possono essere sanzionati e sono sanabili, in quanto prevale la sostanza sulla forma, specie se non è pregiudicata l'attività di controllo dell'Amministrazione.

L’Europa vuole aiutare i professionisti nel loro lavoro di aiuto all'economia e alla creazione di nuova occupazione. All'uopo ha predisposto appositi fondi comunitari che consentiranno agevolazioni fiscali, semplificazioni burocratiche è più facile accesso al credito. A breve si definiranno le modalità di erogazione dei fondi comunitari ai professionisti per il periodo 2014-2020.

Il Ministero dell’Ambiente ha pubblicato una circolare con chiarimenti interpretativi riguardanti la disciplina dell'Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) nella fase di prima applicazione del Decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 2013 n.59. Nel documento viene sottolineato che l'AUA si applica solo alle piccole e medie imprese non soggette ad AIA, ovvero a tutti gli impianti non soggetti ad AIA a prescindere dai requisiti dimensionali del gestore. L'autorizzazione sostituisce ogni altra comunicazione, notifica e autorizzazione previste dalla legislazione vigente, ed è finalizzata alla riduzione degli oneri burocratici connessi alla gestione dell'impresa.

Alle 72 quote mensile concedibili con il piano “ordinario” di rateazione dei debiti iscritti a ruolo, l’articolo 52 del Dl 69/2013 (“decreto del fare”) ha affiancato un piano “straordinario”, che innalza il numero delle rate possibili fino a un massimo di 120. In GU dell’8 novembre è stato pubblicato il decreto Mef del 6 novembre, che stabilisce le regole applicative della misura introdotta a favore dei contribuenti che si trovano in difficoltà non per loro responsabilità, ma a causa della congiuntura economica. Il decreto del fare ha modificato l’articolo 19 del Dpr 602/1973, dando più respiro a chi, persone fisiche e società, non riesce a rimanere al passo con il pagamento dei debiti tributari.

La rata di pensione del prossimo mese di dicembre sarà maggiorata dell’importo aggiuntivo di 154,94 euro. Lo ha comunicato l'INPS con il messaggio n. 18100/2013. La misura riguarda esclusivamente le gestioni private con esclusione delle pensioni pubbliche (ex INDPAP) e dei lavoratori dello spettacolo e sportivi professionisti (ex ENPALS), per i quali l’Istituto previdenziale fa riserva nel fornire utili indicazioni.

La circolare Agenzia delle Entrate 33/E dell'8 novembre 2013 interviene in merito la deducibilità degli accantonamenti ai fondi per indennità suppletiva di clientela, spettante ai sensi dell'art. 1751 C.C. agli agenti di commercio in occasione della cessazione del rapporto di lavoro. Le indicazioni dell'Agenzia si muovono su due punti: per le vertenze relative a periodi d'imposta ante 1° gennaio 1993 può ritenersi valida la linea interpretativa secondo cui l'indennità suppletiva di clientela costituisce un costo meramente eventuale non deducibile, per competenza, dal reddito d'impresa, manifestando, invece, la qualità di componente negativo deducibile solo nell'esercizio in cui venga concretamente corrisposta; per le controversie relative a fattispecie disciplinate dall'art. 1751 C.C. in vigore dal 1° gennaio 1993, è corretta la deducibilità, per competenza, dell'accantonamento per indennità di cessazione del rapporto di agenzia in tutte le sue componenti, senza che possa invocarsi a contrario la carenza dei requisiti di certezza e determinabilità fissati dall'art. 109 TUIR. Pertanto, anche gli accantonamenti per l'indennità suppletiva di clientela sono deducibili dal reddito di impresa della casa mandante, perché compresa tra le "indennità per la cessazione di rapporti di agenzia".

La Regione Lombardia ha definito, sulla base dell'intesa Stato-Regioni del 24 gennaio 2013, le regole per la disciplina dei tirocini nel territorio regionale. La normativa lombarda si caratterizza per la semplicità delle norme e per la portata ampia delle nuove disposizioni, che si estendono anche ai tirocini curriculari, non regolati in altre esperienze territoriali. Secondo le linee guida del 25 ottobre 2013, i tirocini non costituiscono un rapporto di lavoro, bensì una metodologia formativa ovvero una misura di politica attiva finalizzata agli obiettivi dell'orientamento, della occupabilità e dell'inserimento o reinserimento nel mercato del lavoro.

La Suprema Corte, sezione lavoro, con la sentenza n. 19568 del 26 agosto 2013, ha ribadito il consolidato principio in base al quale, nel procedimento di qualificazione del rapporto di lavoro come autonomo o subordinato, occorre fare riferimento al concreto atteggiarsi del rapporto stesso ed alle sue specifiche modalità di svolgimento, potendo, invece, il richiamo all'iniziale volontà delle parti assumere valenza decisoria solo allorché tali modalità lascino margini di ambiguità ed incertezza.

Al via le operazioni di rimborso, per il settore trasporto, dei maggiori oneri sostenuti per l’anno 2010. Le operazioni di conguaglio dovranno essere eseguite, dai soli datori di lavoro beneficiari, con una delle denunce contributive aventi scadenza il 16 gennaio 2014 (circolare INPS n. 146/2013).

Venerdì, 08 Novembre 2013 10:04

Lavoro: voucher dai tabaccai

I voucher possono essere acquistati e riscossi anche presso i tabaccai aderenti all’iniziativa. I rivenditori saranno individuabili tramite un’apposita vetrofania. Gli interessati all'acquisto devono presentare agli esercenti abilitati la propria tessera sanitaria o il tesserino del codice fiscale. Qualora si tratti di società è necessario compilare il modulo “SC53”, scaricabile dal sito www.inps.it, consegnarlo, unitamente a un certificato camerale, alla sede INPS competente, per l’acquisizione della delega che permetterà al delegato di acquistare i voucher in nome e per conto della società delegante.

Pagina 90 di 97

Articoli in evidenza