|  (+39) 080 561 2269      Scrivimi

 

Martedì, 16 Aprile 2019 12:02

Saldo e stralcio cartelle: chi può aderire

Il “saldo e stralcio” delle cartelle interessa i contribuenti (persone fisiche) che dimostrino di trovarsi in situazione di grave e comprovata difficoltà economica (valore Isee non superiore a 20mila euro, oppure una procedura di liquidazione prevista dalla legge sul sovraindebitamento); consente di pagare i debiti fiscali e contributivi in forma ridotta, con una percentuale che varia dal 16 al 35% dell’importo dovuto, già “scontato” delle sanzioni e degli interessi di mora. È possibile presentare richiesta di “saldo e stralcio” per i debiti affidati all’agente della riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017.

Martedì, 16 Aprile 2019 12:01

Rottamazione ter: cos'è

Si tratta di una terza possibilità di definizione agevolata delle cartelle aperta a tutti i contribuenti con debiti affidati alla riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017, inclusi coloro che avevano aderito alle precedenti “rottamazioni” senza poi effettuare i pagamenti dovuti.

Piccola novità per la fattura elettronica: si allunga il termine per l'emissione. Lo prevede il progetto di legge sulle semplificazioni fiscali approvato in Commissione Finanze della Camera e atteso in Aula. Attualmente è fissato a 10 giorni, lo si vuole portare a 15 giorni. Novità interessano anche le sanzioni che, nel caso di omessa, errata o tardiva emissione delle fatture elettroniche, potrebbero essere ridotte al minimo edittale fino al 31 dicembre 2019.

Martedì, 16 Aprile 2019 12:01

Rimborsi fiscali: comunicazione IBAN online

Per ottenere i rimborsi fiscali direttamente sul proprio c/c basta comunicare ad Agenzia entrate il proprio Iban. Al proposito è prevista una procedura dedicata per comunicarlo direttamente online, a cui si accede tramite PIN Fisconline o Entratel. Il modulo di compilazione lo si trova all'interno della procedura "rimborsi".

L'INPS informa (circolare 51 dell’11 aprile 2019) della rivalutazione degli assegni familiari e assegni di maternità dei comuni: 144,42 euro ai nuclei familiari, e 346,39 euro alle mamme. Cambiano anche i requisiti economici per richiederli: ANF limite ISEE pari a 8.745,26 euro; assegno di maternità limite ISEE pari a euro 17.330,01.

La circolare 8/E del 10 aprile 2019 spiega come fruire della detrazione cani guida per non vedenti. La detrazione, salita a 1.000 euro grazie alla legge di bilancio 2019, spetta ai cittadini non vedenti che si affidano a un cane guida. Ne ha diritto solo la persona non vedente e non i soggetti di cui è fiscalmente a carico. L’unico requisito è avere un cane guida, non è necessario documentare di aver sostenuto effettivamente la spesa per il suo mantenimento. Tuttavia deve essere conservata: la documentazione attestante il possesso del cane guida; il certificato di invalidità che attesti la condizione di non vedente, rilasciato da una commissione medica pubblica. Si può anche autocertificare il possesso della documentazione, rispettando le modalità indicate dall’Agenzia delle Entrate con le circolari numero 7/E del 2018 e del 2017.

Pubblicato sulla GU del 9 aprile 2019 il decreto flussi. La quota anno possibile è 30.850 di stranieri che potranno fare domanda per l’ingresso in Italia al fine di svolgere lavoro subordinato stagionale e non stagionale e lavoro autonomo.

La risoluzione 42/2019 del 9 aprile 2019 istituisce sei nuovi codici tributo per versare l’imposta di bollo sulle fatture elettroniche con i modelli “F24” e “F24 Enti pubblici”. Essi sono: 2521 - primo trimestre; 2522 - secondo trimestre; 2523 - terzo trimestre; 2524 - quarto trimestre; 2525 - sanzioni; 2526 - interessi.

Con la circolare 9/E del 10 aprile 2019 l'Agenzia delle entrate scioglie alcuni dubbi interpretativi riguardanti il "nuovo" regime forfettario 2019. Il regime forfetario si applica sia a chi è già in attività sia a chi ne intraprende una nuova; non è prevista una durata massima. I diritti d’autore concorrono al limite di 65mila euro solo se correlati con l’attività di lavoro autonomo svolta; chi esercita più attività, con codici Ateco differenti, deve considerare la somma dei ricavi e compensi relativi alle diverse attività. I contribuenti che, prima della pubblicazione della circolare, pur avendone i requisiti non hanno adottato il regime forfetario ed hanno applicato l’Iva in modo ordinario, possono emettere una nota di variazione per correggere gli errori commessi in fattura, da conservare, ma senza obbligo di registrazione. Non si fuoriesce dal regime forfetario in corso d’anno: in caso di perdita dei requisiti verrà disapplicato a partire dall’anno successivo.

Venerdì, 12 Aprile 2019 11:27

Legge di bilancio 2019: circolare 08/2019

Il 10 aprile 2019 l'Agenzia delle entrate ha pubblicato una circolare di chiarimenti interpretativi della legge di bilancio 2019 (n. 08/2019). Ecco alcuni passi. Proroga e rimodulazione dell’iper ammortamento: maggiorazione del 170% per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro, 100% per gli investimenti oltre 2,5 milioni e fino a 10 milioni, del 50% per gli investimenti oltre 10 milioni e fino a 20 milioni. L'applicazione è consentita solo per “nuovi” investimenti effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019, ovvero fino al 31 dicembre 2020, a condizione che entro il 31 dicembre 2019 l’ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20%.

Pagina 8 di 101

Articoli in evidenza